Top


Percorso


Servizio Civile


loghi scup e scn uniti verticali.jpg

Login Form

Calendario


Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31


Curiosità dal mondo degli anziani

 

Anziani: parla 124 ore di seguito e segna il record
 
È uno dei record più curiosi degli ultimi tempi, un primato di loquacità e resistenza vocale, siglato da un campione senior. Lluis Collet, all’età di 62 anni, è entrato nel Guinness dei Primati per aver parlato 124 ore consecutive, per aver fatto cioè un discorso lungo 5 giorni, 4 notti e 4 ore. Questo anziano signore vive in Catalogna e durante l’impresa è stato perennemente seguito da un medico. Si è nutrito poco per portare a termine la sfida nel migliore dei modi. La maratona parolaia è inizia lunedì 12 gennaio 2009, alle 10 in punto e si è conclusa il sabato successivo, 17 gennaio 2009, alle due di pomeriggio. Nel suo discorso ha alternato testi e poesie di grandi autori, ha parlato del pittore Salvator Dalì, che egli adora e soprattutto ha evocato la lingua catalana nello strenuo tentativo di difendere questo pezzo di cultura di fronte alle telecamere di tutto il mondo.
Anziani: a 60 anni portano sulla scena Shakespeare
 
Il teatro può avere una funzione terapeutica, è poesia, richiede molto impegno e qualche volta, oltre a tirarci fuori dalla solitudine, permette anche una conoscenza più approfondita di se stessi. Lo sanno bene i 30 over60 ospiti di due case di riposo di Bari, che hanno messo in piedi uno spettacolo teatrale ambizioso. Portano in scena Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare e debuttano su un palcoscenico di tutto rispetto, il teatro Piccinni di Bari. Uno spettacolo che dà voce a persone anziane troppo spesso emarginate e lo fa in modo creativo, stimolando il buon umore e la memoria dei neoattori coinvolti.
Laureata a 92 anni in Psicologia
 
Andriana Jannilli discuterà la sua tesi di laurea “Psicologia delle organizzazioni” e se dovesse ottenere, come in tanti si attendono, 110 e lode, diventerebbe neo dottore con 18 punti in più rispetto alla sua età.
Sì, perché la dottoranda Adriana Jannilli, classe 1916, ha 92 anni.
La donna si era iscritta all'Università a 88 anni e i 21 esami previsti li ha superati tutti con il massimo dei voti.
Da giovane la Jannilli, evidentemente molto bella, ha fatto la modella sfilando per molte maison e oltre al lavoro e alla famiglia ha trovato il tempo di frequentare un corso triennale in lingua indonesiana.
Ovviamente, i familiari, divertiti da tanto impegno e ingegno della loro dotta familiare, si chiedono cosa farà dopo essere diventata dottoressa.
 
Nonno Da Guinness, a102 anni rinnova la patente

TOKYO - Centodue anni di cui 80 passati alla guida senza mai un incidente, né infrazioni al codice stradale. E' il primato di Seichi Koyama, un vivace centenario di Tokyo da Guinness dei primati potendosi fregiare del titolo di più anziano automobilista del Giappone e probabilmente del mondo intero. Intervistato dalla televisione nipponica subito dopo aver superato, nonostante la veneranda età, l'ennesimo rinnovo della patente, Koyama ha voluto per prima cosa tranquillizzare automobilisti e pedoni in ascolto. "Sono sicuro di essere ancora in grado di guidare bene e non sono mai stato penalizzato per infrazioni né ho causato incidenti sulla strada", ha detto il vispo vecchietto facendo tuttavia capire che potrebbe essere ormai giunto il momento di 'appendere' volontariamente la patente (e il volante) al chiodo.
 
Internet spiegato a mia nonnadi Francis Mizio
 
Una nonna, una di quelle dedite alla marmellata, agli sformati, che profumano di dolcezza e bevono il te con i biscotti, una nonnina da favola, forse un po’antica. Proprio lei, questa vecchietta fuori dal tempo, vince un computer alla fiera del paese. Ironia della sorte, scherzi del destino: la nonnina delle marmellate si trasforma in nonna web. Un nipote amante della tecnologia, navigatore, esperto di computer, innamorato di internet e di sua nonna. Sono i protagonisti di questo libro, sospeso tra dolcezza e ironia. Il nipote svela alla nonna i segreti del computer e della navigazione, le insegna ad usare il mouse a parlare nei forum, le spiega cosa sono i newsgroup e le chat.

Insomma i segreti della rete spiegati ad un'anziana signora utilizzando esempi tratti dalla sua vita di tutti i giorni. Cos’è una pagina personale e come si fa? Le pagine personali sono come cuscini di lana colorata, e il linguaggio di programmazione somiglia molto ai punti che la nonna sferruzza. E i link? Sono come le frange dei cuscini, "il web è una specie di enorme palla di cuscini attaccati fra loro da frange che si intrecciano"

Un libro scritto con ironia e voglia di dissacrare, che usa un linguaggio giovane e veloce. "Internet spiegato a mia nonna" strappa un sorriso, e al tempo stesso aiuta a conoscere un po’ di più lo "strano" mondo della rete.

 
La nonna che fa il giro del mondo a piedi
 
Si chiama Rosie Swale Pope, il giorno del suo 57 compleanno, il 2 ottobre 2003, è partita da sola per fare il giro del mondo a piedi. Un po’ come il celebre personaggio cinematografico di Forrest Gump, un po’ come quegli avventurieri che scelgono di conoscere posti nuovi e sperimentare l’accoglienza nel pianeta Terra. Nonna Rosie ha deciso di partire all’indomani della morte del marito, causata da un cancro alla prostata. Ha intrapreso il viaggio, armata di attrezzatura da campeggio, ha toccato diversi paesi per raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro e sensibilizzare tutti i popoli nei confronti della prevenzione. Ha incontrato gli orsi in Siberia, è passata dalle lande fredde del Canada fino ad approdare in Groenlandia. Da sempre animata da un forte spirito d’avventura, farà rientro a casa, in Galles, il prossimo agosto. Ad attenderla i fan, gli amici, la famiglia e la fondazione scientifica che utilizzerà i frutti del suo viaggio intorno al mondo.
 
On line una web tv dedicata agli over 60
 
Una web tv tutta dedicata agli over 60, pensata per avvicinare gli anziani a Internet e alle nuove tecnologie e ridurre in questo modo il digital divide, il divario digitale che ancora caratterizza il mondo dell’informazione in Italia. Si chiama Telesenior, è stata realizzata dall’Upad, Università popolare della provincia di Bolzano, e spazia dai temi di salute, stroria e cultura generale fino alle news e a canali di approfondimento e servizi utili al cittadino: fra questi il tg quotidiano curato da una redazione formata da overAnta, giornalisti e operatori del settore, con tutte le notizie dal mondo della terza età. http://www.telesenior.tv/
 
La nonna samurai al servizio della Folgore
 
Keiko Wakabayshi ha 77 anni, è nata in Giappone e adesso vive nel nord Italia. È una nonna tutto pepe esperta di arti marziali che mette le sue competenze al servizio dell’esercito italiano. Lo racconta il Daily Telegraph che l’ha fotografata alle prese con i militari della Folgore nella caserma di Livorno. Nonna Keiko insegna le arti marziali, la lotta con spade e bastoni, ma anche jujitsu, judo, kendo e karate. Lo fa con decisione e dolcezza, invitando gli allievi a guardarla e a credere che niente sia impossibile. "Non pensare che sia incredibile, non è il fisico che conta", è questo quello che ripete sempre la più anziana esperta di arti marziali prima delle dimostrazioni pratiche di combattimenti corpo a corpo. Di seguito qualche consiglio per praticare sport che donano la forma fisica e il benessere mentale.
 
Londra, un centenario all’ultima maratona
 
Occhi vispi, barba non ancora del tutto bianca e un fisico invidiabile, soprattutto se si considera che ha 101 anni. Stiamo parlando di Buster Martin, il centenario britannico di origine francese che ha partecipato, arrivando fino al traguardo, all’ultima maratona di Londra, il 13 aprile 2008. Alla partenza ha dichiarato di voler scendere sotto il muro delle 14 ore, in effetti ne ha impiegate solo un pizzico più di dieci per coprire i 42 km della competizione. Già leader degli Zimmers, la rock band overAnta, Buster Martin non sembra "rassegnarsi" a una vita tranquilla. Ancora oggi svolge attività di volontariato aiutando i bambini malati, ha 16 figli e lavora tre volte a settimana per una società londinese. E se qualcuno gli chiede il segreto della sua longevità, si scopre che non rinuncia nemmeno ai piccoli vizi: a detta di Buster infatti, per star bene sarebbero sufficienti una pinta di birra al giorno e tante occupazioni quotidiane.

Webmaster Massimo Plotegher